Genzano - Biblioteche italiane: Rete delle Reti è ora Associazione nazionale

https://www.agenziaeventi.org/immagini_news/2916/genzano-biblioteche-italiane-rete-delle-reti-e-ora-associazione-nazionale-2916.jpg

5 maggio 2022 – Con la firma di cinque sistemi bibliotecari italiani, ieri 4 maggio nella sede centrale del Consorzio SCR a Genzano di Roma, presso la biblioteca comunale, si è costituito il nucleo fondante dell’Associazione nazionale Rete delle Reti di biblioteche italiane – RdR. I Soci fondatori e primi firmatari sono: Consorzio Sistema Castelli Romani e Sistema territoriale Biblioteche dei Monti Lepini (Lazio), CSBNO – Culture Socialità Biblioteche Network Operativo (Lombardia), SBAM Nord Est (Piemonte), Sistema Bibliotecario Lametino (Calabria). Comincia così una nuova fase di cooperazione tra Sistemi e Consorzi bibliotecari in tutta Italia.
 
«Sono particolarmente orgoglioso e onorato di essere tra i primi firmatari della neonata Associazione nazionale Rete delle Reti di biblioteche italiane di pubblica lettura, ovvero le biblioteche comunali - dichiara Giuseppe De Righi, presidente del Consorzio SCR -; particolarmente desidero evidenziare che il suo nascere veda i Castelli Romani protagonisti, cui viene riconosciuto anche un ruolo significativo con la Presidenza.  Alla nascita del nostro Consorzio di biblioteche, nel 1997, come Sindaco del mio paese, fui tra i primi firmatari; ora mi riempie di gioia essere giunto a questo altro traguardo, che è una ripartenza: si apre una stagione di grandi aspettative per questo lavoro comune che adesso finalmente si espande su scala nazionale.».
 
Rete delle Reti – Da Protocollo d’Intesa ad Associazione
 
In realtà sono già una trentina i Sistemi e Consorzi bibliotecari che si sono candidati e stanno completando l’iter burocratico per entrare a far parte dell’Associazione. Ripartiti sull’intero territorio nazionale, insieme i futuri Soci rappresentano un bacino di utenza di oltre 15 milioni di cittadini. Non è casuale che tutti abbiano già sperimentato la fattiva partecipazione al preesistente progetto nazionale cooperativo - Rete delle Reti, appunto - mirato alla condivisione di risorse creative, informative e organizzative allo scopo di accrescere la diffusione di servizi di pubblica lettura e favorire sinergie ed economie di scala. Nei due anni e mezzo di lavoro trascorsi dalla sigla del Protocollo d’Intesa, quel primo progetto ha mostrato di poter conseguire traguardi significativi.
 
È parso quindi naturale dare al Protocollo d’Intesa di Rete delle Reti una veste e un assetto istituzionale ufficiali, tali da consentire a ciascun ente Socio di attivarsi in modo autonomo nella gestione di nuove iniziative, cogliendo opportunità che solo una forte base associativa consente.
 
Per questa ragione si è costituita l’Associazione nazionale Rete delle Reti di biblioteche italiane – RdR. La cooperazione strutturata tra enti bibliotecari pubblici e privati consolida così il raggiungimento di livelli più elevati di intervento e una dimensione operativa assai più vasta rispetto ai singoli territori.
 
Le buone pratiche
 
Razionalizzare ed efficientare gli investimenti, migliorare la qualità dei servizi ai cittadini, attivare e proporre modalità e piattaforme tecnologiche che favoriscono l’inclusione, perché le biblioteche siano sempre più luoghi di socializzazione e partecipazione. Partendo da questi obiettivi base che da anni ne informano le attività, i Sistemi bibliotecari italiani hanno deciso di adottare un piano di cooperazione esteso a livello nazionale e di affidare alla neonata Associazione compiti mirati.
Ne elenchiamo alcuni:
- attivare attraverso un ambito cooperativo no profit l’accesso a progetti anche di grandi dimensioni, in una logica di economia di spesa;
- produrre innovazione tecnologica che contribuisca a un’ulteriore evoluzione della biblioteca e dei servizi offerti alle comunità di riferimento;
- assicurare il supporto amministrativo, giuridico, progettuale, tecnico e gestionale laddove sia richiesto fornendo i necessari strumenti di assistenza;
- svolgere attività di rappresentanza presso terzi e di promozione dell’immagine di sistemi del territorio e biblioteche locali sia a livello italiano che internazionale;
- avviare iniziative di fund raising e crowdfunding per sostenere finalità e progetti dell’Associazione.

A breve, una volta completate le procedure di accoglimento di tutti i Sistemi bibliotecari che si sono già candidati, verrà convocata la prima assemblea costituente con il compito di eleggere Presidente e Vicepresidente e nominare la Giunta esecutiva e i membri della Commissione tecnica.
 

Consulta i giornali online

Immagine.png

News

Olevano Romano – Il Ministro della Cultura della Sassonia in visita all’Accademia di Casa Baldi

A cura di Agenzia Eventi – www.agenziaeventi.orgIl Presidente della...

Sabato 18 Giugno a Cerreto Laziale lo spettacolo "Incontri - Stalker Teatro"

“Portraits on stage 2022” Sabato 18 giugno alle ore 18 avremo...

Trevi – Luca di Vincenzo finalista del progetto “ilSognalibro 2022”

A cura di Agenzia Eventi – www.agenziaeventi.orgUn segnalibro da 10...

Serrone - Proseguono gli appuntamenti con “Le storie dell’arte”

Nuovo appuntamento per il format, ormai consolidato, “Le storie...

Portfolio

https://www.agenziaeventi.org/immagini_banner/07-02-2019/1549497374-154-.jpg
https://www.agenziaeventi.org/immagini_banner/07-02-2019/1549576365-51-.png
https://www.agenziaeventi.org/immagini_banner/07-02-2019/1549497551-23-.png
https://www.agenziaeventi.org/immagini_banner/07-02-2019/1549498028-31-.png
https://www.agenziaeventi.org/immagini_banner/07-02-2019/1549497796-70-.png
https://www.agenziaeventi.org/immagini_banner/07-02-2019/1549497927-171-.png
https://www.agenziaeventi.org/immagini_banner/07-02-2019/1549498285-54-.png